Valentina Tanni

Memestetica. Il settembre eterno dell’arte

18,00

Nel XXI secolo l’arte è diventata una faccenda strana, persino più strana di quanto lo fosse nel Novecento. L’avvento di Internet, la diffusione delle nuove tecnologie e l’ascesa dei social network hanno stravolto il nostro universo visivo a furia di gif animate, ritocchi su Photoshop e pratiche appropriazioniste di ogni genere e grado. Troll, youtuber e instagrammer fai-da-te ci stanno lasciando in eredità un insieme di pratiche e di estetiche che richiamano alla memoria i precetti delle avanguardie storiche, allegramente distorti in una chiave weird, selvaggia e disinibita. E allora in che modo l’arte che ancora troviamo nei musei e nelle gallerie è stata capace di rispondere a un tale contrappasso? Ma soprattutto: e se in futuro i manuali di storia dell’arte riportassero non le opere di qualche artista-genio ottocentesco, ma i meme di anonimi user nascosti dietro pseudonimi improbabili? In questo libro, il primo a tentare una cartografia onnicomprensiva del rapporto tra arti visive e culture digitali dagli anni Duemila in poi, Valentina Tanni ripercorre la strada che ci ha portato «da Marcel Duchamp a TikTok», tratteggiando i contorni di un sentiero tra i più affascinanti, e a tratti disturbanti, del tempo presente. 

Valentina Tanni (Roma, 1976) è storica dell’arte e curatrice. Si interessa del rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web. Collabora con Artribune Magazine ed è docente di Digital Art al Politecnico di Milano e di Culture Digitali alla NABA di Roma.

  • 11 x 17 cm
  • 252
  • IT
  • 2020
  • 978-88-8056-098-2